Home cultura Peace & Covid

Peace & Covid

498
0

Io mi chiedo se LORO hanno intenzione di “guidare” i popoli senza l’uso della forza militare, solo attraverso la fobia del contagio. Il patto per la scienza sancirà la fine dei dissensi non autorizzati, dentro e fuori la sfera dei costruttori dell’Integrale che ci traghetterà nel Nuovo Ordine Mortale.  

“Non è necessario pensare che il mondo finisca nel fuoco o nel ghiaccio, ci sono due altre possibilità: la burocrazia e la nostalgia.”
Frank Zappa

Siamo al prologo di un Nuovo Ordine Sparso.

Ci attende un secolo di presidi sanitari: ma dove cazzo sono tutte queste mascherine! Centinaia di milioni, l’oggetto più richiesto del pianeta, più prodotto, il nuovo feticcio.

Hanno visto containers, ne sono atterrati airbus stracolmi, carichi immensi fermi in dogane, o svaniti nel nulla… le han prese i Cechi… no! sono stati i crucchi, le mafie, i koala australiani superstiti dall’incendio che li ha quasi sterminati; qualcuno, forse un aviatore, le ha sostituite con straccetti per acchiappare la polvere… Another one bites the dust…

Se tutto andrà bene, saranno a breve sdoganate e vendute al dettaglio a prezzi modici, financo date gratis.

Se tutto andrà male, come sembra il destino di questa mascherata universale, le pagheremo a caro prezzo e le dovremo sostituire ogni 4 ore, rifornendoci da distributori a colonna ai bordi dei marciapiedi, usando una comoda app come se si trattasse di una sosta in zona blu.

Eravamo noi quelli che il velo sulle donne islamiche è incivile.

Come non detto, eccoci tutti imbavagliati, incontaminati… “starnutati” addosso e occhio al drone che ci scansiona la febbre… e un giorno la tachipirina sarà un’arma ribelle e illegale.

2020: è scoppiata la pace nel mondo.

Lennon sarà felice, ovunque si trovi, forse reincarnato in un abitante del pianeta Ummo.

È bastata la paura del contagio per seppellire le asce di guerra.
Che coraggio! E che miseria gli Hezbollah senza lanciamissili, i Boko Haram senza pick-up, i Talebani che mettono a cuccia i kalashnikov.

Che fine faranno i nemici della democrazia se il Pentagono diverrà il Louvre del dr. Stranamore e i corpi speciali cricche di omaccioni dalla lacrima facile?

Nessuno sente Imagine riecheggiare tra la pia e la dura madre?

Certo, LORO, a tutta prima, sembrano proprio dei dittatori sfaticati: fanno fare il lavoro sporco a un virus.

Da balcone a balcone, ad almeno 1 metro di sicurezza, ci si domanderà se il nostro futuro sarà in stile Dachau o cambogiano; una terrificante copia dell’Esercito delle 12 scimmie o un melange perfezionato di distopie solo immaginate.

“No, frà, damme retta, sarà come Halo”.

Che la pace sia con voi e con voi rimanga sempre… ma a debita distanza.

Io mi chiedo se LORO hanno intenzione di “guidare” i popoli senza l’uso della forza militare, solo attraverso la fobia del contagio.

Mi sembra poco credibile, come arrestare per un tempo indefinito le macchine che producono armi, industria che occupa una fettina del 2,1% del PIL mondiale in continua ascesa, come denunciato da queste righe: “23 ottobre 2019. La spesa nell’industria militare è ai massimi livelli storici in tutto il mondo. Lo afferma il rapporto annuale dello Stockholm International Peace Research Institute (Sipri), il think tank svedese che monitora il livello di impiego di risorse nella produzione e nel commercio di armamenti a livello globale”.

Tutti coglioni i CEO della Locked Martin, della Northrop Grumman, della Thales o della nostra Leonardo che occupa l’ottavo posto nella top 100 delle più ricche multinazionali a trazione bellica?

Deporre le armi così rapidamente, solo perché sua bontà ONU e Francesco l’hanno supplicato quale rimedio all’estendersi del contagio planetario del COVID-19, mi fa pensare a grossi ricatti, a enormi somme di denaro trasferite su conti cifrati, chissà in quale off-shore bank, intestati a fantasmi, per conto dei Signori della guerra presenti là dove i conflitti insanabili, fino a ieri, erano fonte di lauti guadagni per le imprese di cui sopra e per quelle che ambivano a depredare risorse naturali per mantenere in vita la tecnologia del “primo mondo”, quello in cui abitiamo segregati per legge, e di quello che sta tra il purgatorio e la salvezza reddituale pro capite.

Nella trama dell’Eternauta, Buenos Aires è attaccata da alieni potenti che, attraverso apparrecchi ipertecnologici, molto simili ad organi musicali, suonano, muniti di mani con un numero di dita ben superiore a dieci, la danza macabra della distruzione dell’umanità, servendosi in maniera sofisticata della forza dell’ipnosi.

Oh, quanto la pace è ipnotica e quanto addormenta i sensi!

La pace è uno stupefacente molto efficace, è l’adattamento al meglio, l’ammorbidimento delle membra, l’ozio padre dei vizi, l’oppio padre degli yippies come la coca lo fu degli yuppies.

Non devi scendere in strada per andare a procurartela in tempi di coronavirus, quando si fermano anche gli spacciatori e il SERT rischia di finire le dosi di metadone (ma tutto ciò è colpa del proibizionismo… può essere una spiegazione) mentre a Wall Street la cannabis macina guadagni a due cifre percentuali, inaspettati.

I più green, adepti di Pachamama mon amour, la Madre Terra portata in processione tra le mura di San Pietro, già s’inchinano al letale virus e ringraziano per i cieli seeeempre più blu, i canali di Venezia smeraldini, i banchi di cetacei e Schettino che si azzardano con coraggio pelagico a riprendere possesso delle rotte abbandonate da Costa Crociere, dai ferry-boats fermi e dai pescherecci che hanno issato le reti e chiesto l’anticipo del fermo biologico ittico in tutto il Mar Mediterraneo a causa del crollo della domanda di pescato.

“Anche i Cristi scenderan dalle croci, anche gli uccelli faranno ritorno…”.

Ripeto: c’è chi esulta per questo ritorno di Madre Natura sostenuta dal vento pandemico contro il cattivissimo umano distruttore; e se questo qualcuno fa parte della cerchia dei LORO, non c’è da stare allegri.

Si profilerebbe uno scenario molto simile a un totalitarismo ecopacifico, l’oscuro potere verde di cui il Vostro scrisse qualche mese addietro, ispirato dalla distopia ingegneristica di Zamjatin.

Ma i gradini da scendere verso questo genere di dittatura di stampo monarchico e universale non sono pochi. La stessa dovrà servirsi di scienziati che si prodighino soltanto per la ricerca e creazione di una tecnologia pulita, che non produca scorie, odori cattivi, asettica e perfettamente integrata con l’ambiente.

Le mie riflessioni sono avvalorate da un articolo del MIT di Boston apparso a marzo sulla sua autorevole rivista scientifica, da cui si evince che, nell’immediato futuro, ognuno di noi dovrà ridurre la propria vita sociale del 75%, rispettando le leggi o i decreti speciali che lo accompagneranno per il resto dei suoi giorni sulla Terra, a causa dei pericoli di contagio di qualunque virus influenzale che dovesse mai imperversare nella sua quotidianità.

A mio avviso, senza essere dei gran cervelloni, bastando l’intelletto di un cacasenno, questo provocherebbe, nell’arco di due generazioni, circa 35 anni, un calo della natalità di almeno il 50%, ovvero una riduzione demografica mondiale di 3 miliardi di individui.

Sempre che l’Africa, misteriosamente, non ne sia preservata, per i motivi che molti di voi già conoscono o intuiscono.

Sarebbe un calo della natalità evidentemente sostenuto anche dalla riduzione delle attività industriali e commerciali di pari entità, influenzate dalla distanza sociale: 14 volte un palmo, metà dell’ incasso, a meno che non si raddoppino i prezzi… soluzione mai applicata, vero? 1000 £ = 1 €.

E se in caso di nuove pandemie, che oltretutto si ripresentano annualmente come LORO ben sanno, si profonderanno sforzi sanitari soprattutto per salvare popolazioni sempre più vecchie e vulnerabili, ci si comporterà esattamente al contrario dell’operato della Natura matrigna che preferisce preservare i propri geni attraverso la procreazione, prediligendo i giovani mammiferi.

Poliscriba sei un razzista, fassista, suprematista bianco e anche ‘nu poco sciovinista!

Sì, ma la nave affonda! Prima le donne e i bambini? Forse, ma LORO rischiano di segare il grosso ramo della schiavitù globale sul quale poggiano le loro chiappe rifatte, plutocrati dediti al neoculto di Saturno che divora i figli degli altri.

Una volta dissi che gli inceneritori, tanto disprezzati dagli ambientalisti, potevano sempre essere riconvertiti in forni crematori, per la gioia degli intransigenti gretini, seguendo l’esempio di Varanasi che, da quando l’Induismo è comparso in riva al Gange, non ha mai spento i suoi roghi sacrificali che ardono dal tramonto all’alba con l’igneo tentativo di sfuggire al samsara.

Scherzavo… ma il Nemico è sempre in ascolto, non scherza e non ha mai dubbi.

Considerando il grado di imbecillità degli intoccabili… dalla scepsi, presenti in maniera eccessiva nei gangli d’ ogni potere, nelle strutture organizzative semplici quanto complesse, e tenuto conto del fatto che i manuali di istruzioni sono l’unica espressione di intelligenza dei padroni del discorso e della tecnoburocrazia, LORO faranno danni devastanti, molto più devastanti di quanto non sia stato fatto fino ad ora.

Per adesso si continuerà a entrare ed uscire dai nostri buchi casalinghi secondo le “stupide” disposizioni emergenziali che forse non rientreranno mai definitivamente, per scongiurare la normalità, perché il virus si dirà, muta rapidamente, un vaccino sarà… quasi pronto, gli asintomatici possono ritornare per magia… sintomatici, i positivi restano tali per oltre enne giorni, dovremo convivere con il virus per anni come si convive con una patologia cronica.

Narrazioni da intrattenimento come i numeri che lievitano e si sgonfiano in un ciclo sinusoidale senza fine: molte le Cassandre, pochi gli ottimisti e gran coacervo di virologi, matematici, saltimbanchi assortiti e nutrito assembramento di ricchi desiderosi di imbonirci sui benefici della ritrovata vita domestica.

Il patto per la scienza sancirà la fine dei dissensi non autorizzati, dentro e fuori la sfera dei costruttori dell’Integrale che ci traghetterà nel Nuovo Ordine Mortale dove, come scrive il MIT, il reddito medio non potrà scendere sotto i 30.000 dollari l’anno, per evitare pericolosi scivoloni al di sotto della soglia di povertà (infatti i poveri sono sporchi, brutti, cattivi, figliano troppo e si ammalano spesso); via libera al Reddito di Emergenza… perenne, a sostegno di una maggiore consapevolezza igienica e sessuale.

La Grande Sorella comodamente immersa nella sua vasca da bagno disegnata da Splinter Works, dolcemente assediata da rosee candele e petali di loto, decreterà attraverso l’etere e la fibra ottica: restate a casa, non baciatevi, non fornicate, allenatevi… prigionieri a corpo libero (quasi un ossimoro)… e lavatevi spesso le mani!

E c’è chi ha messo dei sacchi di sabbia davanti alla finestra…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.